You are currently browsing the Salute In Cucina blog archives for May, 2014.

Fai il test di Salute In Cucina

Vi segnaliamo

Difendi i tuoi bambini
dalla Cattiva Alimentazione
collana ebook di Bimbò
acquista subito on line in modo sicuro

Annunci

website security

Archive for May, 2014

Thursday, May 8, 2014 @ 04:05 PM

Campagna Alimos Frutta & Verdura scoprila gustal sceglilaPuoi scaricare gratuitamente su App Store e Google Play Frutti&Veggi App, l’applicazione per tablet e iPad di Frutta&Verdura, Scoprila, Gustala, Sceglila, il programma italo-francese rivolto a bambini e adolescenti con l’obiettivo di promuovere il consumo di frutta e verdura fresche di qualità.

L’applicazione, in particolare, ha lo scopo di avvicinare i bambini dai 3 ai 5 annialla conoscenza dei prodotti ortofrutticoli più comuni attraverso uno strumento ludico e divertente: con l’aiuto di un adulto, infatti, il bambino può familiarizzare con diverse tipologie di frutta e verdura misurandosi nella composizione di un puzzle e nella risoluzione di un memory. Ciascun gioco prevede tre diversi livelli di difficoltà.

Scaricala subito.

Versione Android (tablet): https://play.google.com/store/apps/details?id=com.alimos.fruttiveggi

Versione iOS (iPad): https://itunes.apple.com/it/app/frutti-veggi/id853792647?mt=8

Frutta&Verdura, Scoprila, Gustala, Sceglilaè un programma triennale italo-francese promosso da Alimos e Interfel, co – finanziato dall’Unione Europea e, per quanto concerne la parte italiana, dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Comments Off on Una App per condividere frutta e verdura con i tuoi bimbi
Thursday, May 8, 2014 @ 04:05 PM

blue berryOggi a 1 persona su 9 viene diagnosticato un pre-Alzheimernel 2050 si stima che saranno 1 su 3 le persone affette da questa malattia neurovegetativa che interessa in massima parte l’occidente ( dati Alzheimer Association).

Per contrastare questo fenomeno si stanno studiando modelli di vita positivi, secondo il principio della Positive Biology, per individuare in individui o popolazioni sane quali sono i fattori e i comportamenti che fanno la differenza, sia sotto il profilo della genetica ( che nel caso dell’Alzheimer incide per il 35%) che su quello dello stile di vita, dell’ambiente, delle relazioni sociali e delle terapie mediche.

A Pianeta Nutrizione, nell’ambito di Cibus 2014, il prof. Giovanni Scapagnini, associato di Biochimica Clinica alla Facolta’ di Medicina dell’Universita’ degli studi del Molise, ha illustrato come anche l’alimentazione, la nutrizione e la nutraceutica abbiano un ruolo importante per il benessere, l’invecchiamento e la salute, e ha illustrato dati e ricerche che individuano alcuni fattori che hanno grandi potenzialità nel favorire la longevità e contrastare l’insorgenza di malattie come l’Alzheimer:

la restrizione delle calorie, l’assunzione di curcumina, il polifenolo e pigmento giallo della curcuma , di antiocianine di cui sono ricchi i frutti di bosco, in particolare di mirtilli della qualità Maqui, e le arance rosse, e di omega 3 di cui sono ricche alcune alghe e il pesce. Details

Comments Off on Curcuma, mirtillo, arance rosse e alghe contro l’Alzheimer.
Thursday, May 8, 2014 @ 09:05 AM

cibus ministroINCONTRI E CONVEGNI A CIBUS PER METTERE A PUNTO LA STRATEGIA INTERNAZIONALE DEL MONDO ALIMENTARE ITALIANO

Il Ministro dell’Agricoltura a Cibus – I Paesi oltreoceano più aperti al prodotto italiano – La domanda estera per prodotti italiani bio –  Le prospettive di export in India e Sud Est Asiatico – Aumentano le opportunità nei duty free

 

Il Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, ha visitato Cibus dove ha presentato il padiglione di Expo 2015 dedicato alle imprese alimentari, e consegnato una targa di riconoscimento a dieci nuove denominazioni d’origine, nello stand dell’Associazione dei Consorzi di Tutela Aicig. Il Ministro ha anche firmato oggi a Parma un Protocollo di intesa per la tutela e la valorizzazione delle produzioni agroalimentari DOP e IGP sulla piattaforma on-line eBay, un progetto realizzato in collaborazione con Aicig ed eBay.

Il tema dell’internazionalizzazione ha tenuto banco anche durante la terza giornata di Cibus. Dal convegno “L’internazionalizzazione del sistema alimentare italiano: Paesi target e strategie di sviluppo” (a cura di Sistemi Formativi Confindustria in collaborazione con ICE Agenzia, ISTAT e Federalimentare Servizi) è emerso che le aree di espansione sono l’Estremo Oriente, l’Africa e Paesi come il Messico e l’Argentina. La principale strategia è di rinforzare i mercati maturi attraverso gli accordi bilaterali, come quello con il Canada stipulato nel 2013 e quello con gli USA da stipulare entro la fine dell’anno.

I mercati del Giappone e l’Australia sono assai interessanti per i nostri prodotti biologici, come evidenziato nel corso del seminario “Eatalian Bio: destinazione Australia e Giappone per i prodotti italiani”. Il progetto è promosso e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato da Assocamerestero in collaborazione con le Camere di Commercio di Sydney e Tokyo. Sono state sottolineate le opportunità di inserimento e di sviluppo in Giappone e in Australia per circa 40 aziende italiane. Il mercato australiano vale circa 1,27 miliardi di dollari con una crescita annua prevista del 15% mentre quello giapponese è in forte sviluppo e si prevede una crescita del 12% solo nel 2014.

Grande attenzione in fiera ai prodotti Kosher, una grande opportunità commerciale che aprirà ai produttori italiani le porte di un mercato enorme ed in continua espansione, di cui si è parlato nell’incontro organizzato dalla redazione del giornale italiano Pagine Ebraiche.

In due workshop organizzati dalla società di consulenza Octagona sono state presentate le opportunità di export in India e nel Sud Est Asiatico. In India c’è un mercato potenziale di 300 milioni di persone interessate alla cucina italiana, mentre nel Sud Est Asiatico c’è grande interesse per il prodotto italiano, specie in Thailandia, Vietnam, e Indonesia, un Paese quest’ultimo dove il food italiano viene trainato dallo sviluppo della grande distribuzione.

Tra i tanti convegni tenutisi nella terza giornata di Cibus, “Food Service e Duty Free: Alimentiamo le vendite” tenuto dal Gruppo Edifis sull’avvicinamento del mondo del Food Service e del Duty Free al Made in Italy. La nuova strategia è quella di affiancare ai prodotti standard dell’industria alimentare la vendita dei prodotti tipici del territorio.

Al tema della promozione dei prodotti nella grande distribuzione italiana è stato dedicato il convegno organizzato dalla Nielsen e dalla Università di Parma: dal volantino cartaceo si passerà agli sfogliatori di volantini virtuali scaricati dalle “app”, con la possibilità quindi di leggere on line quello che il volantino propone. In questo modo, il volantino elettronico diventa anche una lista della spesa, oltre che un elenco di promozione dei prodotti.

L’innovazione è una realtà a Cibus anche in termini formativi: si è tenuto oggi il concorso per giovani studenti delle Facoltà italiane di agraria, “Ecotrophelia Italia 2014”, organizzato da Federalimentare Servizi. Il primo premio quest’anno è andato a ABCheese, una glassa gastronomica al miele e peperoncino a base di scotta di latte fermentata, ideata dalla squadra di studenti dell’Università di Perugia.

Comments Off on Il volantino elettronico che diventa la lista per la spesa e tanto altro dal Cibus
Wednesday, May 7, 2014 @ 05:05 PM

C’è odor di pummarola, limoncello, pizza, tartufo, muffa, aglio, prosciutto, pesce e anche di stand, di plastica e cartone in quel di Parma.

Il mio naso mi guida lungo un percorso olfattivo e sensoriale al Cibus 2014 che desidero condividere con voi per ispirarvi a intraprendere nuovi viaggi e passeggiate all’insegna dell’olfatto.

Se usi il naso non ti sbagli e, mano a mano che riscopri e affini questo meraviglioso senso che è l’olfatto, diventi protagonista di un’esperienza che ti coinvolgerà con tutto il tuo essere, facendo riaffiorare ricordi e sensazioni, aiutandoti a scegliere tra cibi buoni e cattivi, freschi o no, e a riconoscere i diversi aromi nei cibi che più che consumare in fretta,  imparerai a de-gustare.

BolfattivaIl mio viaggio olfattivo, anzi BOlfattivo, è iniziato stamattina da Bologna dove 1 anno fa abbiamo creato un progetto per mappare gli odori e i profumi del nostro territorio ma non solo.

A Bologna abbiamo creato una SMELL MAP della città con particolare attenzione al cibo, protagonista indiscusso sotto le 2 Torri, tanto da meritare la connotazione di Bologna City of Food, definendo un percorso ideale turistico e non tra vie, mercati e prodotti tipici di qualità, tutti da degustare e alla ricerca del profumo di Bologna.

Oggi ho deciso di allenare il mio Naso anche al Cibus di Parma! Quale luogo migliore per farlo direte voi, visto che qui troviamo l’eccellenza del settore Food e agroalimentare italiano. Beh non è stato facile. Innanzitutto si tratta pur sempre di una fiera dove incombe l’odore plasticoso delle passarelle, l’odore di compensato degli stand e di chiuso delle aree convegni. Poi bisogna destreggiarsi a individuare e riconoscere gli odori che in spazi chiusi si confondono tra loro.

Qualcosa è venuto fuori, anche grazie alla preziosa collaborazione degli espositori e produttori.

tartufo
1° tappa PASSEGGIATA OLFATTIVA AL CIBUS: IL TARTUFO E IL SUO ODOR DI GAS

Visto che parliamo di NASO, non posso che iniziare dal TARTUFO. Con Giuliano Tartufi mi sono immersa nel mondo di questo incredibile tubero dalle diverse varietà e aromi. il Tartufo ha un tipico odore di gas, ma il profumo e il gusto cambiano a seconda della stagione, della varietà e della zona; da ottobre a dicembre troviamo il tartufo bianco pregiato da affettare a crudo, che come caratteristica ha proprio il profumo, molto forte, di formaggio e aglio mentre il sapore, può sembrare leggermente piccante e vagamente simile a quello del formaggio grana.; da novembre a febbraio si scovano tartufi neri pregiati o melanosporum dal profumo aromatico, non troppo pungente, e dal sapore delicato, da abbinare a selvaggina e crostacei; in estate troviamo lo scorzone, il più classico e meno pregiato, dall’aroma di bosco, il cui sapore ricorda quello dei funghi porcini, molto usato nella ristorazione. Ce ne sono molti altri e vi invito ad approfondire sul sito di Giuliano Tartufi.

Questa sono io, colta in fragran-ze

Questa sono io, colta in fragran-ze

2° tappa PASSEGGIATA OLFATTIVA AL CIBUS: L’ACETO NON SOLO BALSAMICO E DAI MILLE AROMI

Mi sono fermata da Mengazzoli per annusare le diverse tipologie di aceto tra cui quelli affinati di vino, racchiusi nelle colorate ampolle, le B-sphere, condimenti aromatizzati al rosmarino, al peperoncino, al lambrusco, agrodolci, dall’aroma intenso, persistente, dolce, di fiori, fragrante. Tutti da degustare visto che dell’aceto – soprattuto quando balsamico – è importante la consistenza e il gusto al palato oltre che il profumo e l’aroma. Interessante la proposta di Foodpairing ovvero di abbinamento gastronomico in grafica tra gli aceti e le portate o i vini e bevande.

Il SENSOBUS di Puratos: laboratorio sensoriale mobile

Il SENSOBUS di Puratos: laboratorio sensoriale mobile

3° tappa PASSEGGIATA OLFATTIVA AL CIBUS: IL SENSOBUS E LA CIOCCOLATA BELGA

Questa è stata la tappa più interattiva e interessante della mia passeggiata olfattiva al Cibus. In questo laboratorio mobile si utilizzano i sensi , olfatto, udito, vista, tatto, gusto per ricerche di mercato sui prodotti della Puratos e dei suoi clienti (azienda BtoB).

Oggi ho degustato 3 tipi di cioccolato fondente e 3 tipi di cioccolato bianco. Il più buono per me è risultato un cioccolato nero dell’Uganda “Forastero”, dai suggestivi profumi di humus e funghi, accompagnati da un più sobrio gusto di cacao acido e cacao affumicato. In questo caso ho degustato più che annusato e ho individuato solo l’affumicato e l’aroma di nocciola di uno dei cioccolati al latte:(.

(to be continued…il viaggio non finisce qui, intanto se vuoi partecipare e contribuire alle nostre ricerche sensoriali e olfattive iscriviti alla pagina facebook)

 

Beatrice Di Pisa

 

Comments Off on BOlfattiva: c’è odor di Cibus in quel di Parma