You are currently browsing the Salute In Cucina blog archives for December, 2013.

Fai il test di Salute In Cucina

Vi segnaliamo

Difendi i tuoi bambini
dalla Cattiva Alimentazione
collana ebook di Bimbò
acquista subito on line in modo sicuro

Annunci

website security

Archive for December, 2013

Tuesday, December 17, 2013 @ 12:12 PM

centrifugato verdeLo sai che il modo migliore per affrontare i (quasi) inevitabili bagordi natalizi è una bella depurazione preventiva?

Ecco le 2 ricette che ti consiglio oggi: centrifugato invernale depurativo di frutta e misto

Puoi ripetere l’operazione il giorno successivo, per esempio per la cena del 26 o  la colazione del 27 dicembre

OPPURE

La miglior difesa è l’attacco: Centrifugato invernale depurativo prima (e dopo) i pranzi natalizi

 

Centrifugato verde invernale di frutta (per la mattina)

1 kiwi

2 mele verdi succose

1 fettina di zenzero fresco

Tagliare il kiwi a metà, scavare la polpa con un cucchiaio; lavare le mele, togliere la buccia, pelare lo zenzero e tagliare una fettina; mettere tutto nel centrifugatore e bere subito, preferibilmente a stomaco vuoto. Di centrifughe ne esistono di diversi tipi, sarebbe preferibile avere un estrattore di succo a freddo ma so che è molto costoso quindi in mancanza d’altro vanno bene le centrifughe tradizionali. Io solitamente ordino i centrifugati quando vado in ristoranti vegetariani e bio come antipasto perché solitamente hanno lo spremitore a freddo ( se ti interessa approfondire ti segnalo questo articolo http://valdovaccaro.blogspot.it/2011/02/quali-succhi-e-quali-centrifughe.html)

 

Centrifugato Invernale di frutta e verdura (per pranzo)

1 finocchio grande

mezzo gambo di sedano fresco

succo di un pompelmo

Lavare il finocchio, mondarlo, tagliarlo in 4; lavare il sedano; mettere nella centrifuga e unire il succo di un pompelmo spremuto, preferibilmente rosa perché più dolce.

 

Proprietà

Mela: è un frutto povero di zuccheri e grassi ma ricco di pectina che aiuta a tenere sotto controllo il tasso glicemico contenuto nel sangue e, da studi recenti, anche il colesterolo. Si dice “una mela al giorno toglie il medico di torno” ed è vero, perché è un frutto ricco di proprietà benefiche, in quanto contiene sali minerali, vitamina B1 (che combatte inappetenza, stanchezza e nervosismo), B2 (facilita la digestione ed è antiossidante) e vitamina C.

 

Kiwi: contiene molte fibre all’organismo, sia solubili che insolubili e, per questo, è indicato per chi soffre di stitichezza. Possiede diverse proprietà antiossidanti ed è utile nella lotta contro i radicali liberi (a questo scopo è importante non esporre la polpa all’aria per troppo tempo). Contiene inoltre rame e ferro che gli conferiscono proprietà antisettiche; l’alta concentrazione di minerali fa sì che sia un perfetto riequilibrante in caso di disidratazione; è fonte di potassio, magnesio, sodio, fosforo e calcio: utili per combattere la depressione, stress e la stanchezza in generale. Oltre al potassio, il kiwi contiene anche il magnesio, beneficio in caso di stress, sodio, fosforo e calcio. Per essere considerato di buona qualità, il kiwi deve presentare la buccia integra, dalla forma regolare e non essere né troppo morbido né troppo maturo. E’ un frutto altamente consigliato nelle diete dimagranti: soltanto 61Kcal/100 g.

Comments Off on A mattina e pranzo un bel centrifugato depurativo aiuta a preparati per i menù festivi
Thursday, December 12, 2013 @ 06:12 PM

Christmas tree made from measure tapeQualche trucco per tenere d’occhio la linea anche a Natale!

Stai già pensando al prossimo pranzo di Natale? Non vedi l’ora che arrivi il momento del dolce? Certo a Natale è difficile pensare alla linea ma non è impossibile limitare i danni:) cercando di non esagerare. A guadagnarne non è solo la linea ma anche la salute.

Vuoi davvero sapere se a Natale rischi di mettere su qualche chilo di troppo?

Per scoprirlo rispondi al questionario

Hai già mangiato antipasto, primo, secondo e magari il contorno. E’ il momento del dessert, cosa fai?

a) Non lo mangi perché sei già pieno, fai complimenti alla cuoca o al cuoco e rinunci.

b) Scegli una bella fetta di Pandoro con mascarpone.

c) Scegli una fetta di panettone.

d) Festeggi con 3 chicchi d’uva perché si dice porti fortuna a capodannno.

e) Passi al sorbetto, non ami i dolci.

f) Scegli un dessert di yogurt con frutti di bosco.

g) Assaggi tutto (ndr a casa di mia suocera l’offerta dessert è del seguente tipo!!!): un quadratino di Tenerina (torta al cioccolato), il panettone con il mascarpone e anche uno o due cioccolatini fatti in casa, brindando con champagne …tanto c’è l’amaro per digerire.

h) Ti limiti a brindare con un bicchiere di champagne, spumante o prosecco.

Vai alla risposte

Se hai risposto

a) Hai buon senso>>> corri pochi rischi se usi sempre lo stesso buon senso in tutti i pranzi e cenoni che fai e magari ti muovi anche facendo passeggiate o attività sportiva adatta alla tua preparazione fisica.

b) Ti piace rischiare>>>Hai conquistato 400 calorie di pandoro e minimo 200 di mascarpone (dipende da quanto mascarpone metti e da quanto è ricco il mascarpone che per 100 grammi può raggiungere le 800 calorie).

Potresti scegliere di rinunciare a qualche alcolico con i quali rischi di conquistare 500 calorie ( 1 bicchiere di vino bianco ha indicativamente 70 calorie, 1 di spumante ne ha 95 di calorie, lo champagne 80, l’amaro 314!!!!

Potresti fare una bella passeggiata dopo il pranzo o cenone, limitare le altre portate, mangiare meno nei giorni precedenti o successivi.

c) Un rischio calcolato>>>A Natale qualche piccolo peccato di gola è concesso : con 1 fetta di Panettone hai conquistato 302 calorie, sempre meglio del pandoro con mascarpone (1 fetta da 83 grammi, a titolo esemplificativo marca Coop Classico 302 calorie)

d)Non ami il rischio e forse nemmeno i dolci!!!

100 grammi di uva hanno 61 calorie

e)Chi si accontenta gode e digerisce meglio: un sorbetto al limone da 100 grammi ha 132 calorie.

f) Sei in linea con la Gastronomia Metabolica, almeno per il dessert🙂 Scopri anche la video ricetta.

g) Ti piace rischiare! Se assaggi tutto e anche qualcosa di più ed hai pure mangiato antipasto, primo e secondo, allora è meglio che dai un’occhiata allo speciale di Natale della Gastronomia Metabolica ricco di confronti tra ricette e prodotti calorici e meno calorici: una sana consapevolezza può aiutare. Pensa che 1 cioccolatino ferrero roche 82 calorie. Lo speciale di Natale GRATUITO è composto da un audio per accendere la tua motivazione e da un ebook con i contenuti e le ricette.

h)A qualcosa hai rinunciato, ma attento alla quantità di vino o alcolici che consumi:  rischi di conquistare almeno 500 calorie ( 1 bicchiere di vino bianco ha indicativamente 70 calorie, 1 di spumante ne ha 95 di calorie, lo champagne 80, l’amaro 314!!!!

Ricordati che bastano 100 calorie in più al giorno
per aumentare di 5 kg di peso in 1 anno

Quante calorie in più rischi dunque di introdurre tra Natale e l’epifania?

Non è solo questione di linea!!! Noi abbiamo giocato ma mantenere una alimentazione sana e un corretto stile di vita anche durante le feste potrà solo che essere vantaggioso. Non sono indicazioni mediche ma solo giochi di consapevolezza. Per una dieta equilibrata rivolgiti al tuo medico, dietologo, nutrizionista.

Comments Off on TEST Vuoi davvero sapere se a Natale rischi di mettere su qualche chilo di troppo?
Wednesday, December 11, 2013 @ 05:12 PM

gheeLa prima volta che ho sentito parlare del Ghee è stato quando ho iniziato ad approfondire la cucina ayurvedica nel 2006. Negli anni seguenti ho avuto la fortuna di incontrare il dottor Naram, medico Ayurvedico indiano e il dottor Giovanni Brincivalli, medico italiano e persona straordinariamente gentile, che mi ha aiutato negli anni a migliorare la mia salute e il mio benessere anche attraverso l’alimentazione e l’ayurveda.

Ghee elisir di Giovinezza per l’ayurveda.

Nell’ayurveda il burro ghee è considerato un vero e proprio elisir di giovinezza essendo dotato di proprietà antiossidanti. Ha una funzione rinfrescante ed è usato in molte preparazioni perché facilmente digeribile a differenza di altri grassi che appesantiscono maggiormente l’organismo.

La qualità più importante del ghee, riconosciuta universalmente, è che può essere utilizzato per cotture a temperatura elevata senza perdere le sue caratteristiche: ha un punto di fumo molto alto, quindi non brucia come il burro normale ed è possibile utilizzarlo per friggere (il consiglio è sempre quello di limitare il fritto ma se proprio dovete farlo, utilizzate il ghee o l’olio extra vergine di oliva).

Il burro Ghee è il grasso del burro quindi va dosato!

Nella sostanza il Ghee non è altro che un burro chiarificato privato di acqua e proteine e solitamente anche di lattosio: il risultato finale è che il Ghee è composto per il 99% da lipidi, ovvero grassi.  Quindi va usato in minori quantità rispetto al burro normale: non pensare di poterne fare un uso “incontrollato” solo perché ti hanno detto che “fa bene” …il rischio, come ho spiegato ai miei studenti all’Università Primo Levi durante il corso Guida alla Gastronomia Metabolica, è quello di assumere grassi e calorie in eccesso  rispetto al proprio fabbisogno oppure di ottenere un risultato opposto a quello desiderato (rif. ayurveda).

Il consiglio è sempre quello di usare buon senso, se non avete problemi di peso o patologie, e di confrontarvi con il vostro medico, dietologo, nutrizionista.

Lo si può fare in casa: differenza tra ghee e burro chiarificato.

Il Ghee lo si può fare in casa scaldando a fuoco basso del burro normale, evitando di farlo bruciare o friggere e  togliendo la schiuma man mano che si crea. Dopo qualche ora si filtra e si lascia solidificare. Ci vogliono molte ore se volte ottenere il Ghee ( in un’ora a bagno maria ottenete burro chiarificato che in realtà è leggermente diverso dal ghee dove la caseina si separa solo dopo che ha reagito con gli zuccheri nella reazione di Maillard che dà al Ghee il suo originale ed intenso aroma.

Il Ghee si conserva al chiuso e molto a lungo.

Chiarificare il burro significa liberarlo da acqua e caseina, tenendo solo i grassi.

Confrontiamo* le calorie di 100 grammi di:

Burro Chiarificato Prealpi, 898 calorie 

Burro normale 758 calorie

Burro light 615 calorie

Olio evo ( extra vergine di oliva)  901 calorie

Confronto con Unità di misura casalinghe

1 cucchiaio di olio evo 108 calorie ( 1 cucchiaino 45 calorie)

1 noce di burro 70 calorie

1 cucchiaino di burro ghee da 5 gr Prealpi ha 44,9 calorie contro i 37,9 di 5 grammi di burro normale ( se ho fatto bene i conti:)

 

E’ chiaro che di Ghee ne uso meno!

* Quando fate la spesa vi invito di volta in volta a leggere e confrontare le etichette per valutare anche la qualità degli ingredienti.

 

Se vi interessa approfondire vi consiglio questo articolo Burro Ghee www.dottorperuginibilli.it/il-burro-di-ghee

Come fare il ghee e/o il burro chiarificato:

  1. La Ricetta della cuoca
  2. Burro Ghee sì, chiarificando un burro di buona qualità: http://www.ilpastonudo.it/cose-di-base/il-burro-e-il-burro-chiarificato/ – qui trovate un interessante confronto tra tipi di burro fatti con panna fresca, più sani e buoni, e tipi di burro fatti con panna affiorata come solitamente vengono fatti i burri italiani.
  3. Scienza e cucina: http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2007/12/14/il-burro-chiarificato/

 

Comments Off on Il Burro Ghee fa bene? Sì ma ricordiamo che ha più grassi del burro normale!